CONF: Architectural Practices in Italian Building Sites (Mendrisio, 30-31 May 2016)

Comparing Architectural Practices in Italian Building Sites During the Second Half of the Sixteenth Century
Mendrisio, Archivio del Moderno, May 30 – 31, 2016
[Italian text see below]
Workshop organized by the Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana (USI) with the support of the Swiss National Science Foundation, curated by Maria Felicia Nicoletti and Paola Carla Verde
An understanding of architectural practices is becoming increasingly important in the analysis of building dynamics according to the latest
critical historical studies. Our upcoming workshop forms part of the research project “The Fontana builders between XVI and XVII century.
Operating processes, techniques and workers’ tasks” supported by the Swiss National Science Foundation (responsible applicant: Letizia
Tedeschi, co-applicant: Nicola Navone, Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana). The event will investigate the
organization and techniques of construction sites operating in Italy in the second half of the sixteenth century, comparing paradigmatic
examples of sites managed by the Fontana in Rome with other contemporary sites in the Italian peninsula.
Several aspects will be analyzed: the adjustment of architectural practices in which the experiences of the various families of
foremen-contractors flow together and intermingle, the practices specific to the Fontana family, and the presence, in various contexts,
of Ticinese families asserting themselves by ensuring that they received the contracts for major construction sites through their
proven entrepreneurial skills. With this critical approach, the whole aims to develop a more precise view of the contribution of construction
contractors in Italian building sites during the second half of the sixteenth century, and to promote a better understanding of
architectural practices after Michelangelo.
Scientific Committee: Giovanna Curcio, Università IUAV di Venezia; Francesco Paolo Fiore, Sapienza – Università di Roma; Nicola Navone,
Archivio del Moderno – Accademia di architettura, Università della Svizzera italiana; Letizia Tedeschi, Archivio del Moderno – Università
della Svizzera italiana; Sergio Villari, Università degli Studi di Napoli Federico II.
The entrance is free.
For information: +41 (0)58 666 55 00
paola.giudici@[at]usi.ch
————————————-
Pratiche architettoniche a confronto nei cantieri italiani della seconda metà del Cinquecento
Giornate di studio promosse dall’Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana (USI) e finanziate dal Fondo Nazionale
Svizzero, a cura di: Maria Felicia Nicoletti e Paola Carla Verde
La comprensione delle pratiche architettoniche, secondo la più recente critica storiografica, riveste un’importanza sempre maggiore nell’analisi delle dinamiche edilizie. Iscritte nell’ambito del progetto “L’impresa Fontana tra XVI e XVII secolo: modalità operative, tecniche e ruolo delle maestranze”,
finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica (responsabile Letizia Tedeschi, co-responsabile Nicola Navone, Archivio
del Moderno – Università della Svizzera italiana), le giornate di studio intendono indagare la struttura e le tecniche dei cantieri in
corso d’opera in Italia nella seconda metà del XVI secolo, ponendo a confronto esempi paradigmatici di cantieri edili gestiti dai Fontana a
Roma con altri cantieri coevi in territorio italiano. Diversi saranno gli aspetti analizzati: dalla messa a punto di pratiche
architettoniche in cui confluiscono e si mescolano le esperienze delle varie famiglie di capomastri-imprenditori, alle specificità operative
dei Fontana, fino alla verifica della presenza, nei diversi contesti, di famiglie di origine ticinese che si affermano assicurandosi
l’appalto dei maggiori cantieri edili mediante la comprovata abilità imprenditoriale. Tutto questo, al fine di precisare criticamente il
contributo delle imprese edili nei cantieri italiani della seconda metà del XVI secolo, e favorire una più approfondita conoscenza delle
pratiche architettoniche.
Comitato scientifico: Giovanna Curcio, Università IUAV di Venezia; Francesco Paolo Fiore, Sapienza – Università di Roma; Nicola Navone,
Archivio del Moderno – Accademia di architettura, Università della Svizzera italiana; Letizia Tedeschi, Archivio del Moderno – Università
della Svizzera italiana; Sergio Villari, Università degli Studi di Napoli Federico II.
La partecipazione alle Giornate di studio è libera.
Per informazioni: +41 (0)58 666 55 00
paola.giudici@[at]usi.ch
—————-
PROGRAMMA
Lunedì 30 maggio 2016
Archivio del Moderno,
Mendrisio, Piazzale alla Valle, II piano
14.30
Letizia Tedeschi, Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana
Apertura dei lavori
14.45
Maria Felicia Nicoletti e Paola Carla Verde, Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana
Introduzione
Prima sessione: I cantieri dei ticinesi
Presidente: Sergio Villari, Università degli Studi di Napoli Federico II
15:00
Stefania Bianchi, Archivio Storico Comunale, Mendrisio
Roberto Santamaria, Archivio di Stato, Genova
“ogni lavoro dovrà esser forte, sicuro, buono et bello”: cantieri e maestranze nel secolo dei genovesi.
15:30
Paola Carla Verde, Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana
“c’ha bisognato usarvi una diligentia quasi maravigliosa”. Il cantiere dell’acquedotto Felice 1585-1589: il successo di Giovanni Fontana.
16.00
Discussant: Nicola Navone, Archivio del Moderno – Accademia di architettura,
Università della Svizzera italiana
16.30
pausa
16.45
Maria Felicia Nicoletti, Archivio del Moderno – Università della Svizzera italiana
Un cantiere nel cantiere: Domenico Fontana e la costruzione con «non piccola difficultà» della cappella di Sisto V (1585-90)
17.15
Concetta Restaino, Università Suor Orsola Benincasa
La complessità dei cantieri delle cripte delle cattedrali di Salerno e Amalfi
17.45
Lucia Aliverti, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana SUPSI, Lugano
L’impresa dei Silva di Morbio
18.15
Discussant:Francesco Paolo Fiore, Sapienza Università di Roma
Martedì 31 maggio 2016
Archivio del Moderno,
Mendrisio, Piazzale alla Valle, II piano
Seconda sessione :Pratiche di cantiere
Presidente: Nicola Navone, Archivio del Moderno – Accademia di architettura,
Università della Svizzera italiana
9.30
Ciro Birra, Università degli Studi di Napoli Federico II
Il cantiere per la costruzione del nuovo Arsenale di Napoli 1577-1595
10.00
Antonio Russo, Sapienza Università di Roma
La facciata della basilica di Loreto (1570-1587): il progetto e il cantiere
10.30
Emmanuel Lamouche, Université de Nantes
Il cantiere di decorazione della Cappella Gregoriana in San Pietro in Vaticano (1578-1584) : maestranze, gestione, organizzazione del lavoro
11.00
Discussant: Francesco Paolo Fiore, Sapienza – Università di Roma
11.30
pausa
Terza sessione:Modalità operative
Presidente: Francesco Paolo Fiore, Sapienza Università di Roma
15.00
Alina Aggujaro, Bibliotheca Hertziana, Roma
Scamozzi e il cantiere da prassi a scienza. Il caso della fabbrica di Alessandro da Porto a Vicenza
15.30
Rossana Nicolò, Sapienza Università di Roma
Costruire il Belvedere dopo Bramante: un cantiere papale a Roma nel secondo Cinquecento
16.00
Paola Placentino, Università IUAV, Venezia
Il cantiere delle Procuratie Nuove in piazza San Marco tra il 1582 e il 1610: progetti, gerarchie e organizzazione delle maestranze
16.30
Discussant: Sergio Villari, Università degli Studi di Napoli Federico II
17.00
pausa
17.15
Giovanna Curcio, Università IUAV, Venezia
Conclusioni

Share this post

News from the field

The View from the Car: Autopia as a New Perceptual Regime

Exhibition at the Baubibliothek of ETH Zurich from 15 September to 15 October 2021 The exhibition aims to render explicit the impact of the car on the way we perceive architecture and the city. The view from the car changed architecture fundamentally. Despite the fact...